domenica - 24 dicembre 2017

array(2) { [0]=> string(7) "Cronaca" [1]=> string(8) "Speciale" }

Il “Bianco” Natale del Comune di Catania sempre ” a cura di…”

Repetita iuvant…sed continuata secant. E noi, seguendo il saggio esempio degli avi, ripetiamo a chi continua pervicacemente a percorrere logore strade con la certezza che in alto loco nulla cambierà. Ed eccoci a Natale occasione d’oro per il Comune di Catania, così come avviene per la c.d. Estate Culturale (tale pomposamente battezzata), di mostrare tutta l’incapacità creativa ed organizzativa che contraddistingue il massimo ente autarchico locale, retto ancora dall’uomo delle inaugurazioni, l’immarcescibile Bianco mani di forbici

Guglielmo Ferro sul Capodanno a Catania: “Sempre pasta e cucuzza”

Il regista catanese, figlio degli indimenticati Turi Ferro e Ida Carrara, ci ha inviato una nota in cui esprime la delusione per la gestione della festa per il Capodanno approntata ancora una volta all'ultimo momento dall'amministrazione Bianco e costata 185 mila euro, un sentimento comune a molti cittadini ed ancor di più alla maggior parte degli artisti del territorio che si vedono imposte scelte incomprensibili da parte di un'amministrazione che continua imperterrita a privare la città di qualsiasi visione e identità.

Tributo al magistrato Peppe Gennaro, dedicata a lui l’aula dell’ANM

Peppe Gennaro, magistrato di punta della procura catanese e per anni presidente nazionale dell'Associazione Nazionale Magistrati, ha lasciato un vuoto nella magistratura quando il 23 dicembre 2015 si spense dopo una lunga malattia. A distanza di due anni i colleghi gli hanno tributato nel corso di una partecipata e commossa cerimonia un omaggio non consueto, intitolandogli l'aula del Tribunale in cui si riunisce quell'ANM di cui fu tra i fondatori ed a lungo presidente, con una guida innovativa ed autorevole. Il ricordo del presidente della Corte d'Appello Giuseppe Meliadò.

Fotonotizia: La stampa diserta gli auguri del sindaco “di Catania e metropolitano” Enzo Bianco

Davvero pochini i giornalisti che hanno aderito all'invito per gli auguri del "sindaco di Catania e metropolitano" Enzo Bianco. All'indomani della condanna subìta dall'amministrazione Bianco con una pesante sentenza del Tribunale del Lavoro che ha accertato le violazioni relative alla gestione dell'Ufficio Stampa del comune di Catania ed in attesa che si chiarisca la vicenda dell'indagine penale in corso sul cosiddetto "Ufficio Stampa abusivo", il sindaco "di Catania e metropolitano" (come ormai ama definirsi nelle comunicazioni ufficiali), aveva invitato i giornalisti per gli auguri a Palazzo degli Elefanti. Adesioni sintomatiche. Basta la foto di rito, diffusa dall'Ufficio Stampa del comune, per comprendere il livello del rapporto tra il "sindaco di Catania e metropolitano" Enzo Bianco e l'Opinione Pubblica della città.  Se non è un'umiliazione, poco ci manca.

Nuovo questore a Catania, da Pisa arriva Alberto Francini.

L'attuale questore Giuseppe Gualtieri è stato promosso Prefetto dal Consiglio dei Ministri ed andrà a svolgere il ruolo di Ispettore Generale di Amministrazione. Al suo posto l'attuale questore di Pisa Alberto Francini. 

Il Catania passerà un buon Natale: 3-1 contro il Fondi

Calcio, il Catania passa anche sul campo del Fondi: 3-1 firmato Fornito, Curiale e Ripa

Comincia nel migliori del modi il girone di ritorno del Catania che vince anche sul campo del Fondi con un'altra prova brillante. Ancora infermeria lunga per Lucarelli che ha dovuto fare a meno di Di Grazia ma supera anche l'esame Fondi. A decidere sono Fornito (primo gol in campionato), Curiale e Ripa

185 mila euro per 3 ore del Capodanno, Bianco ha scelto Valerio Festi. Again

Già per il capodanno dell'ormai lontanissimo anno 2000 l'allora sindaco Bianco aveva scelto Valerio Festi per uno spettacolo di piazza che ritorna, a distanza di quasi vent'anni, per salutare, oltre ad un disastroso 2017, gli ultimi mesi di un'amministrazione che ha precipitato Catania nella disperazione. "L'evento" costerà 185 mila euro, ai catanesi 145 mila euro oltre ad un contributo di una banca di altri 45 mila. La proposta di Festi risulta protocollata l'11 dicembre ed approvata dalla giunta Bianco il 12: rapidissimi! Un cavo d'acciaio unirà a 14 metri di altezza Palazzo degli Elefanti a Palazzo Chierici, ma i certificati di idoneità del materiale tecnico-meccanico allegati alla delibera di approvazione della giunta Bianco sono del...1999...

Catania, allo IOM accuse di malversazione di fondi pubblici destinati alla ricerca oncologica. sequestro di oltre 4 milioni di beni.

Vicenda delicata e complicata che coinvolge l'Istituto Onocologico del Mediterraneo con sede in Viagrande, uno dei più importanti presidi sanitari della regione. Per tale motivo, ed in attesa di ulteriori informazioni, riportiamo integralmente il comunicato diffuso dalla Guardia di Finanza di Catania titolare delle indagini che hanno dato seguito al pesante provvedimento di sequestro.

Fontanarossa dei record: 9 milioni di passeggeri

 

È una giovane psicoterapeuta della provincia di Enna, che si aggiudica i due biglietti offerti dalla Lufthansa,  la novemilionesima passeggera che atterra a Catania accolta da governance e staff della SAC che così festeggiano l'ennesimo risultato positivo per lo scalo catanese. L’AD Torrisi: “La sfida è migliorare la qualità dei servizi nello scalo più grande del Sud Italia”.

Caso Molino: il Comune condannato dal tribunale del lavoro “il giornalista sia rimesso al suo posto”

Il giornalista Nuccio Molino "ha subito un illegittimo demansionamento dal 24 luglio 2013 alla data di deposito del ricorso" e per questo il Comune di Catania è "condannato a destinare il ricorrente all'espletamento delle mansioni corrispondenti alla qualifica posseduta (redattore capo) ovvero all'Area di inquadramento (D)". Una nuova, pesante sconfitta per il Comune di Catania, stavolta certificata dal giudice del lavoro Caterina Musumeci che ha respinto la difesa dell'avvocato "esterno" Andronico, rappresentante dell'amministrazione Bianco, accogliendo invece le tesi dell'avvocato Sergio Cosentino difensore del dr. Molino . La causa era stata intentata dal giornalista che dal 15 luglio del 2013 era stato lasciato dall'amministrazione comunale in uno stato di forzata inattività. Il Comune ha resistito alla richiesta sostenendo di avere seguito la legge nella riorganizzazione dell'Ente

Il Bastione degli Infetti: il sito archeologico del ‘500 che il Comune ha voluto “giardinetto”

Lo scorso maggio, il Comune di Catania, col sindaco Bianco e gli assessori Rosario D'Agata, Salvo Di Salvo e Orazio Licandro in prima fila, ostentava come di consueto la posa della "prima pianta" al Bastione degli Infetti, sito archeologico catanese di grande rilievo ma abbandonato, che avrebbe dovuto essere riqualificato con i fondi regionali per l'incentivazione di  forme di democrazia partecipata. Era presente quel giorno, anche Salvo Castro, presidente del Comitato Popolare Antico Corso, associazione attenta alla valorizzazione e salvaguardia di tutta l'area, che a Sudpress racconta: "Il sito era già noto e frequentato da tante persone. Il comune, in modo sleale, ha cavalcato quest'onda, lo ha candidato, e poi ha speso i soldi per farne un giardinetto. Noi non siamo stati interpellati e abbiamo dovuto pure bloccare la cementificazione per le bambinopoli"

Operazione Dia: 500mila euro di beni confiscati a esponente della criminalità brontese

Sei “beni immobili”, sei “beni mobili registrati”, rapporti finanziari e una impresa di commercio di autoveicoli, complessivamente stimati in oltre 500.000 euro appartenenti a Antonio Gagliolo, 37enne di Bronte sono stati confiscati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Catania in base al decreto emesso dal Tribunale di Catania - Sezione Misure di Prevenzione

Processo Salamone, i Ris: “il sangue sul corpo di Valentina è dell’imputato Mancuso, non è stato un suicidio”

Sono del presunto assassino Nicola Mancuso e di un altro soggetto non ancora identificato, le tracce di sangue presenti sul corpo e negli effetti personali di Valentina Salamone. A confermarlo sono i militari del Ris di Messina, il reparto speciale dei carabinieri, che effettuarono gli esami sul corpo subito dopo la morte avvenuta il 24 luglio del 2010 ad Adrano. In occasione della nuova udienza il giudice Maria Concetta Spanto della Corte D'Assise ha ascoltato il maggiore Carlo Romano, il luogotenente Salvatore Spitaleri insieme ai marescialli Giovanni Marcì ed Enrico Luisa. Prossima udienza fissata per l'8 febbraio 2018

Istituto Alberghiero al centro dei riflettori tra strutture fatiscenti e cucine inutilizzate

Calcinacci che cadono, pilastri arrugginiti, cucine chiuse, impianti elettrici con problemi, bagni nel degrado, senza luce e senza porte, sporcizia, infiltrazioni d'acqua: queste sembrano essere purtroppo le drammatiche condizioni di alcune sedi dell’istituto alberghiero Karol Wojtyla di Catania, in particolare quella in viale Tirreno, segnalate dal senatore catanese del Movimento 5 Stelle Mario Giarrusso che ha effettuato un accesso ispettivo fortemente ostacolato dalla preside. 

Ius soli, Forza Italia: “Necessarie giuste misure, solidarietà ai rifugiati, ma attenzione ai migranti economici”

"Ius soli, crisi demografica e immigrazione: le nuove sfide dell'Italia e dell'Europa". Temi delicati quelli su cui era incentrato il convegno di Forza Italia, ed in particolare, la crisi demografica è stata descritta dall'onorevole Salvo Pogliese, con toni allarmanti: "Nel 2016 la popolazione italiana ha perso 86 mila residenti, ovvero i decessi hanno superato le nascite, cosa mai accaduta in Italia, nemmeno durante la prima guerra mondiale. In Italia, ormai, 100 nonni hanno 42 nipoti, siamo un popolo vecchio e questo rappresenta un dramma dal punto di vista pensionistico, dal punto di vista sociale e dal punto di vista identitario"

Terrorismo. Traffico di Migranti. Traffico di Esseri umani. Nella lezione del Procuratore Generale di Roma Giovanni Salvi.

Il Procuratore Giovanni Salvi ha svolto la scorsa settimana una lectio magistralis di grande efficacia nell’aula magna della Link University. Una straordinaria disanima fenomeni cruciali per la vita di noi tutti che Salvi ha voluto precisare devono essere tenuti distinti per poterne comprendere efficacemente i meccanismi. Esattamente quello che stanno facendo Magistratura e Forze di sicurezza italiane.

L’ispettore Licari torna a casa, Natale in famiglia nell’augurio di una veloce guarigione

L’ispettore della polizia urbana catanese, ridotto in fin di vita quasi tre mesi fa dopo aver subito una brutale aggressione mentre era in servizio ad uno degli ingressi di via del Rotolo, è stato dimesso dal centro specialistico di riabilitazione neurologica di Cefalù, a causa della depressione insorta. Licari, durante quelle ore di lavoro, aveva impedito ad un giovane in scooter di attraversare le transenne che ne vietavano l’accesso, ma il ragazzo dopo qualche minuto, raggiunto da altre persone della zona, aggredì il pubblico ufficiale, colpendolo alla testa

L’ultima assurdità di Crocetta & C.: 900 milioni in meno di crediti alle imprese per fare contento Pif

Rischia di accadere questo venerdì alle 11, ora di convocazione dell'assemblea dei soci dell'IRFIS. L'operazione è di quelle così demenziali, quanto irresponsabili, da non credere che siano realizzabili da persone con un minimo di cervello. Anche questa vicenda è il sintomo drammatico di una classe dirigente incompetente e sconclusionata, sempre pronta ad entrare in confusione per assecondare gli umori delle telecamere, salvo combinare danni incalcolabili. In sintesi, il governo Crocetta, lo scorso aprile, sotto la pressione mediatica magistralmente orchestrata (giustamente) dal bravo Pif a tutela dei disabili gravissimi, decide un'operazione suicida per l'economia siciliana: togliere 53 milioni alla "banca regionale" IRFIS per finanziare il "fondo disabili": l'operazione più cretina della storia!

I clan di Adrano e Biancavilla imponevano le uccisioni sull’ambulanza della morte per pochi euro

C'era la criminalità organizzata di Adrano e Biancavilla dietro le uccisioni sull'ambulanza, 3 finora quelle accertate, su oltre 50 casi al vaglio della Procura etnea, nell'arco di 4 anni, dal 2012 al 2016. I clan infatti imponevano propri uomini sulle ambulanze private, che avevano il compito di accelerare il decesso dei malati terminali con delle iniezioni di aria nel sangue, per poterne ottenere un guadagno sulla vestizione ed il servizio di pompe funebri. Contestata anche l'aggravante della crudeltà, all'arrestato per omicidio volontario Davide Garofalo di 42 anni, barelliere ed esecutore materiale dei delitti. Non veniva concessa nemmeno l'opportunità della morte in casa, con l'affetto dei familiari, che trovavano i propri cari già defunti all'arrivo dell'ambulanza

Caso Nova Entra, rinviati a giudizio gestore del canile, funzionari Asp e del Comune

Sudpress denuncia da anni il sistema di gestione dei canili ed in particolare l'incredibile girandola di proroghe continue effettuate dall'amministrazione Bianco che lo hanno trasformato in un affare milionario praticamente senza regole.  Il giudice Santino Mirabella ha rinviato a giudizio Mario Bongiorno, titolare del canile, Carmelo Macrì e Salvatore Rubino, dirigenti dell'Asp veterinaria, Salvatore Bonanno e Rosario Puglisi, funzionari del Comune di Catania per i reati di associazione a delinquere, truffa aggravata e maltrattamento a abbandono di animali. Il 7 febbraio 2018 si aprirà il dibattimento processuale

Annunciati “58 milioni per le periferie”, ma i “disperati” di Librino sopravvivono ancora in Cattedrale

Tante promesse e belle parole sulla riqualificazione delle periferie di Catania attraverso una convenzione firmata da Bianco e Gentiloni che pone una particolare attenzione su San Giovanni Galermo e Trappeto Nord, per 18 milioni di euro, ma la realtà dei fatti non fa certo ben sperare. Intere famiglie dei quartieri più disagiati come Librino, San Giorgio e Pigno, che non sembrano nemmeno essere stati citati nell’ambito di questi fantastici progetti, continuano a vivere nella Cattedrale di Catania da ormai 3 settimane: chiedono un tetto sulla testa, lavoro e dignità e fino ad ora Bianco non li ha ancora incontrati 

Arcidiacono:”Debito del Comune supera il miliardo di euro. Nel 2016 creato un “buco” di 316 milioni di euro”

Situazione gravissima e proseguono le reazioni alla bocciatura dei dati contabili dell'amministrazione Bianco. Pesante la denuncia del vice presidente vicario del consiglio comunale Sebastiano Arcidiacono che, tra l'altro, nei giorni aveva provato a convocare il sindaco in conferenza dei capi gruppo per discutere delle azioni da compiere a fine consiliatura, ottenendo solo una richiesta di rinvio. Ricordiamo che Bianco in 5 anni si è presentato in Consiglio Comunale, costretto, solo una volta disattendendo l'obbligo di legge di relazionare almeno ogni sei mesi. 

Un bel pranzo di Natale all’Ardizzone Gioeni

Si è respirata aria di famiglia all'ex Ospizio per ciechi in occasione del tradizionale pranzo di Natale offerto dal presidente dell'ente Giampiero Panvini che con il consigliere Massimo Denatale ha riunito per gli auguri gli utenti della Casa con alcuni ospiti che hanno potuto apprezzare l'ottima cucina gestita dalla famiglia Auteri .

In evidenza

Bomba sulla giunta Bianco, i Revisori: “CONTABILITÁ INATTENDIBILE, PARERE SFAVOREVOLE!”

Lo scorso 4 dicembre Sudpress ha dato notizia di una dura nota della Corte dei Conti che richiamava i Revisori del comune di Catania Fabio Sciuto, Francesco Battaglia e Massimiliano Lo Certo alle proprie responsabilità, preceduta da altro intervento del 14 ottobre che praticamente li "massacrava contestandogli" precise mancanze ai propri doveri. In data 16 dicembre i Revisori hanno così finalmente espresso i loro pareri su due documenti essenziali per il prosieguo dell'attività amministrativa e il risultato conferma finalmente quello che questo giornale sostiene, documentalmente, da anni: la contabilità costruita dall'amministrazione Bianco è inattendibile, incompleta e non coerente con i principi contabili! Le conseguenze sono gravissime e coinvolgeranno tutti coloro hanno votato senza alcuna consapevolezza e non potranno sostenerne l'ignoranza: anche di questo avevamo più volte avvertito il Consiglio Comunale, che ha approvato interi bilanci neanche letti e sulla base di pareri scritti a mano all'ultimo momento. Bocciato anche il bilancio consolidato 2017 su cui, tra l'altro, aleggia il mistero della SIDRA che misteriosamente non ha ancora approvato il suo bilancio: ma di questo ci occuperemo a breve.

Operazione Gòrgoni, il giornalista Salvo Cutuli è stato scarcerato

Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Catania presieduto da Sebastiano Mignemi che ha disposto nei confronti dell'inviato di Rei Canale 103 l'obbligo di dimora nel comune di residenza Aci Bonaccorsi

DIA Catania: sequestro di 20 milioni ad esponente “Stidda”. Camion con i fiori, portavano contanti e cocaina

Ad essere state poste sotto sequestro dalla DIA, sono nove aziende operanti a Vittoria, nel Lazio ed in Calabria; un  magazzino adibito ad attività commerciale sempre nella provincia Iblea; una villetta a Scoglitti; nove appartamenti  con garage e terreni a Vittoria; due depositi di circa 450 mq a Lamezia Terme (CZ); autoveicoli, motocicli e grosse somme bancarie. Il tutto, stimato in oltre 20 milioni di euro, era riferibile a Giovanni Cilia, 63 anni, originario di Vittoria (RG) e appartenente al clan mafioso “Dominante”, aderente alla Stidda, egemone in tutta la provincia di Ragusa. I camion per il trasporto dei fiori, venivano usati per nascondere contanti e cocaina

Zona Industriale: finalmente (forse) ci sarà almeno la luce

Un barlume di speranza sembrerebbe aprirsi per la sciagurata Zona Industriale di Catania che forse, chissà quando, non sarà più immersa nel buio e gli imprenditori potranno sentirsi più sicuri. Circa venti giorni fa è uscito il bando pubblico per la “riqualificazione degli impianti di pubblica illuminazione con orientamento al risparmio energetico  e al telecontrollo per la sicurezza territoriale”,  per 1 milione e 318 mila euro, provenienti dal Patto per Catania, con scadenza il 14 dicembre. Nota particolare è che il bando sia uscito circa un mese dopo la l'intervista di Sudpress all’imprenditore Giorgio Strano sugli innumerevoli disservizi della zona. Per l'aggiudicazione della gara e la conseguente assegnazione dei lavori se ne parla dopo Natale, come riferito dal Comune

Irsap, operazione Gdf in corso. Coinvolto il dirigente Tricomi, collaboratori, imprenditori e prestanome

Trentamila euro in contanti e forse più trovati a casa di Daniele Tricomi, dirigente tecnico Irsap a Catania e Messina. Lui e il suo collaboratore Carlo Caruso gestivano l'ex Consorzio Area di sviluppo Industriale (Asi) come fosse casa propria, dando la concessione di terreni a parenti o amici, a falsi imprenditori e persino ad un sorvegliato speciale. INTERVIENE L'EX PRESIDENTE IRSAP ALFONSO CICERO DALLE CUI DENUNCE SCATURÍ L'INDAGINE.

La vergogna delle strade catanesi tra sporcizia e rifiuti

Carta, volantini, plastica e cibo sparsi in molte strade del capoluogo etneo: questa è la condizione di alcune note vie del centro come Corso delle Provincie, via Enrico Pantano, via Aloi e via Fiammingo, dove la sporcizia regna incontrastata. Gli operatori con i macchinari di pulizia stradale, a quanto pare, in certi periodi non passano e i sacchi della differenziata spesso vengono raccolti nei giorni sbagliati 

Una borsa di studio dedicata al giornalista catanese Mario Petrina

Mario, che abbiamo conosciuto bene, indimenticato presidente nazionale dell'Ordine per due mandati, per anni ai vertici degli organismi di categoria, è stato punto di riferimento per generazioni di suoi colleghi cui ha sempre dedicato tutta la sua umanità e generosità. Caporedattore RAI, è stato per anni il volto catanese della popolarissima trasmissione 90° Minuto. Adesso lo ricorda con un bel tributo l'associazione dei giornalisti in pensione che gli dedica una borsa di studio per giovani aspiranti professionisti del settore sportivo.

Accusata di peculato Luciana Giammanco, capo dell’Anticorruzione siciliana

La dirigente generale del dipartimento regionale Funzione pubblica Luciana Giammanco, a capo dell'Anticorruzione in Sicilia, è accusata di peculato, insieme a Silvia Coscienza, in servizio al dipartimento Rifiuti. Le indagini avrebbero evidenziato che le due avrebbero intascato compensi non dovuti. Luciana Giammanco è accusata di essersi appropriata della somma complessiva di 25.753 euro per l'incarico di commissario straordinario dell'ex Provincia di Trapani

La Destra catanese piange l’ex ministro Altero Matteoli ucciso in un incidente d’auto

Scomparso tragicamente a 77 anni uno dei leader storici della Destra italiana, ministro alle Infrastrutture del governo Berlusconi. Unanime il cordoglio del mondo politico e istituzionale.  Ha subito rilasciato un'addolorata dichiarazione il deputato nazionale Basilio Catanoso, che con l'euro deputato Salvo Pogliese ne ha sempre seguito il percorso politico: “Piango l’amico scomparso, il fratello maggiore, il maestro politico che attorno a se’ ha convogliato e unito una classe dirigente da sempre legata agli insegnamenti della Destra. Matteoli è stato politico attento e capace, persona perbene e dalle inesauribili risorse morali, è stato ministro autorevole e sobrio rappresentante dello Stato. La Destra italiana abbruna le proprie bandiere, in ricordo di Altero”.

Lutto per il giornalismo: si è spento Totò Barresi

Totò Barresi era in pensione dal 2011 avendo lasciato la RAI da Caposervizio del TGR. La sua grande passione, oltre al giornalismo è sempre stata la Politica, ricoprendo incarichi di rilievo: sindaco di Vizzini ed amministratore dello IACP, ASL e Comunità Montana degli Iblei. Legatissimo alla famiglia, lascia la moglie Pina, gli adorati nipoti Matteo, Marco e Giulio ed i figli Rosaria e Mario, giornalista de La Sicilia, cui questa redazione si stringe con amichevole affetto. I funerali martedì 19 dicembre a Vizzini, alle 16 nella chiesa di San Sebastiano di via Vittorio Emanuele 122.

Stracci volanti nel PD catanese: “Sono solo avventurieri!”

I 4 voti "traditori" provenienti dal gruppo del Partito Democratico, che si sono aggiunti nel segreto dell'urna a quelli del centrodestra per l'elezione di Gianfranco Miccichè a presidente dell'Assemblea Regionale, stanno provocando quel terremoto che cova sin dai risultati delle elezioni regionali che hanno registrato, a Catania, la consegna del partito alle new entry capitanate da Luca Sammartino che con i suoi 32 mila voti ha scalzato la vecchia leadership. E mentre Sammartino prova a scansare i sospetti, rincarano i big della CGIL Raia, Villari ed Albanella.

Suggestiva messa per Santa Lucia all’Ardizzone Gioeni

Si è svolta nella chiesa dell'istituto per ciechi Ardizzone Gioeni di Catania la Santa messa per Santa Lucia. Nella splendida chiesetta, gremita in ogni ordine di posti, il presidente dell'ente, dottor Giampiero Panvini ha ringraziato i presenti e ricordato che Santa Lucia è la santa dei ciechi e degli ipovedenti e proprio per questo motivo all'interno dell'istituto la ricorrenza viene celebrata con la Santa Messa e anche festeggiata all'interno della struttura. IL VIDEO DELL'ESIBIZIONE DEI MUSICISTI OSPITI

Che sta succedendo a Santa Chiara?

È la storica sede da cui partono le iniziative dei volontari della Comunità Sant'Egidio, con il presidente per la Sicilia Emiliano Abramo che mantiene una visione lucida di quanto sta accadendo in città, con la povertà e la miseria, non solo economica, che hanno raggiunto livelli insostenibili per garantire un minimo di pace sociale. Problemi e drammi umani che la Comunità affronta e spesso risolve senza clamori e proclami. 

Sicilcar: dopo lo sciopero le promesse di Comune e impresa, ma resta la paura

Lo sciopero notturno dei dipendenti della ditta che si occupa di manutenzione, lavaggio e ingrassaggio dei mezzi della Nettezza Urbana, davanti all'autoparco comunale ha avuto come risultato l'ennesima riunione con l'assessore  al ramo Rosario D'Agata.  Entro martedì 19 si dovrebbe avere il pagamento di una mensilità e della tredicesima, e forse entro fine dicembre anche il versamento di un secondo stipendio, dei 5 arretrati, per gli oltre trenta operai. Solite rassicurazioni insomma, ma tra i lavoratori serpeggia sempre paura e incertezza, anche in virtù di un fatto che un contratto vero e proprio tra Comune e Sicilcar non ci sarebbe e questo non consentirebbe alla ditta di ottenere anticipazioni bancarie

Nettezza Urbana: dipendenti Sicilcar allo stremo, sciopero notturno davanti l’autoparco

Non è bastato il coinvolgimento con arresto del capo del personale Pietro Garozzo, in un'indagine importantissima della Procura etnea; non sono bastate le proteste e gli scioperi dei mesi precedenti nè le immagini degli operai che lavano i mezzi senza protezioni e il depuratore per lo smaltimento dei liquidi guasto da anni, come documentato da Sudpress ad ottobre. Nulla di tutto ciò ha consentito che nella vicenda Sicilcar vi fosse una scossa risolutiva per stabilizzare la situazione lavorativa e umana dei dipendenti, dopo la cessione del ramo d'azienda ed il passaggio da Officine Meccaniche. Una trentina di operai si sono trovati per un sit in notturno, davanti l'autoparco comunale, per l'ennesima dimostrazione di uno stato delle cose disastroso, con lavoratori e famiglie ormai abbandonate da tutti, Comune in primis, e proprio in prossimità del Natale

Circonvallazione: pedoni investiti, è sempre più allarme sicurezza

Solo pochi mesi fa, a luglio, moriva dopo 5 giorni di agonia, Danilo Di Majo, studente ennese, iscritto in medicina a Catania. Il giovane, investito da un pirata della strada proprio davanti alla Cittadella Universitaria, era stato vittima oltre che della scelleratezza umana, anche dell'assenza di misure di sicurezza stradali, in un punto particolarmente pericoloso della circonvallazione catanese, ma egualmente frequentato quotidianamente dai tantissimi studenti delle facoltà scientifiche. All'indomani della tragedia, come sempre era stato annunciato, dall'assessore Rosario D'Agata, la realizzazione in tempi brevi delle strisce pedonali rialzate ed altri interventi per la sicurezza. Sudpress è andato a controllare e naturalmente ancora non ce n'è traccia. Questo anche a pochi giorni dall'ennesima triste notizia di un altro incidente mortale sempre lungo la circonvallazione ma stavolta nella zona Cibali, dove un uomo è stato travolto e ucciso

Negato pass per disabili dopo 27 anni: la vergogna di Catania

Un paradosso vergognoso, quello che coinvolge l'Asp di Catania e l'Ufficio di Medicina Legale, oltre che il Comune. Dopo 27 anni infatti, è stato negato ad un giovane autistico, Alberto Murabito, invalido al 100 %, il rinnovo del pass per disabili che gli consente, accompagnato, di usufruire delle corsie preferenziali e degli stalli appositi quando è in auto. E quello che è definito dagli organi preposti un "privilegio", viene proibito, senza nemmeno una visita di accertamento, semplicemente perchè in grado di camminare, ma senza alcuna attenzione ai problemi psichici di cui il ragazzo, nelle sue condizioni, soffre GUARDA LA VIDEO INTERVISTA

Il Teatro Bellini, i soldi del ministero e l’incredibile replica alla querela archiviata

In quasi 10 anni di giornalismo d'inchiesta ce ne sono capitate di tutti i colori, ma la "replica" ricevuta questo sabato ci ha lasciato basiti. Ci viene richiesto espressamente lo stesso spazio dato ad un precedente articolo e non possiamo che esaudire, anzi vorremmo poterne dare anche di più.

A Catania è allarme baby gang: controllo del territorio inadeguato

All'interno di pagine dedicate ai problemi che affliggono chi frequenta Catania, sui principali social network, si moltiplicano le segnalazioni di persone, non solo adolescenti, che lamentano aggressioni costanti, provocazioni, percosse e offese da parte di gruppetti più o meno numerosi di ragazzini tra i 12 e 18 anni, pronti ad accendere risse per divertimento, spalleggiati da ragazzi più grandi. In prossimità del Natale, la situazione potrebbe peggiorare e dal Questore Giuseppe Gualtieri è stato richiesto un tavolo tecnico anche per gestire il problema del bullismo, con maggiore presenza di tutte le forze dell'ordine in centro

Assessore Sgarbi, per carità non si distragga…

Aldo Premoli, direttore del nostro SudStyle e firma di Huffington Post e Artribune, proprio su quest'ultimo ha scritto della mostra allestita in questi giorni al Castello Ursino di Catania e curata dal critico Vittorio Sgarbi, che ha replicato in maniera insolitamente moderata alle perplessità manifestate. E per SudPress il direttore Premoli approfondisce. E rilancia...

Il sindacato UGL attacca Bianco: “Modo di amministrare da irresponsabili”

Il sindaco Bianco ha inaugurato un nuovo parcheggio a pagamento nella ex rimessa AMT di via Plebiscito. Per il sindacato UGL: "Ennesimo taglio di nastro su cui questa amministrazione ha fondato la sua ragion d'essere. Catania ha bisogno di un trasporto pubblico efficiente non di passerelle e sfavillanti iniziative. Inutile parlare di mobilità sostenibile senza un vero piano!”

Corso Martiri, Arcidiacono smentisce Bianco: “Solo propaganda elettorale e appagamento del suo ego”

A pochi mesi dalle elezioni comunali si intensificano i "deliri propagandistici" da parte dell'amministrazione Bianco che dopo 5 anni lascia una città devastata. A proposito dell'ultima comunicazione sul famigerato "Risanamento Corso Martiri" è giunto un durissimo intervento del vice presidente vicario del consiglio comunale di Catania Sebastiano Arcidiacono: "Offende l’intelligenza dei catanesi il tentativo del sindaco Bianco di spacciare come un fatto di portata storica la riqualificazione di quattro limitate aree a verde del vecchio quartiere San Berillo, interventi minimali rispetto al complessivo risanamento della vasta zona di Corso dei Martiri." "Altro che migliaia di posti di lavoro, impiegati solo 15 operai!" LE 5 VERITÁ.

Originale corso all’Istituto Cannizzaro: “Guida e manutenzione del Go-kart”

Venerdì 15 dicembre, dalle 14.30 alle 18.00, in occasione dell’OPEN DAY dell’Iti Stanislao Cannizzaro, il Dipartimento di Meccanica, Meccatronica ed Energia presenterà il nuovo corso “Guida e Manutenzione del Go-kart” realizzato grazie all’impegno dei docenti Domenico Crudo e Norma La Piana, in collaborazione con l’A.s.d. Karting Club “Sacro Cuore”.

La Croce Rossa e l’appalto CARA Mineo del 2014: ma come venne ammessa?

Sia chiaro, stiamo parlando di milioni di euro. Tanti. Abbiamo visto come il comitato provinciale della Croce Rossa di Catania sta partecipando proprio in questi giorni alla gara gestita dalla prefettura di Catania per aggiudicarsi i quasi 17 milioni del lotto 1 per i servizi al CARA Mineo. Ed è emerso più di un dubbio sulla regolarità dell'ammissione a questa gara considerata l'iscrizione solo in extremis alla Camera di Commercio, formalizzata sicuramente dopo la scadenza dei termini, circostanza ritenuta ininfluente dalla commissione prefettizia che l'ha tranquillamente ammessa. Certo è invece che di sicuro la Croce Rossa di Catania nel 2014 non era iscritta alla Camera di Commercio...e allora? Cosa è stato dichiarato negli atti di gara? Possibile che nessuno se ne sia accorto?

IL SINDACO DEL VILLAGGIO

Riportiamo testualmente, senza alterare o aggiungere nulla, il comunicato con relative immagini diffuso dall'Ufficio Stampa del comune di Catania con il titolo, sempre a cura dello stesso Ufficio Stampa: "Natale, Bianco "illumina" albero di piazza Università".

Pubbliservizi nella farsa tra Bianco e Ontario: “Sono finti i licenziamenti o le promesse?

Gli applausi c'erano stati a settembre, con Enzo Bianco al centro della ruota di dipendenti dinanzi la Prefettura che lo incensava, mentre lui proclamava la risoluzione positiva della vicenda Pubbliservizi, partecipata della ex Provincia ridotta al crollo. Al momento quello che sta accadendo è chiarissimo: Promesse smentite dagli unici fatti reali e concreti: 1) i libri già in tribunale per il fallimento; 2) le lettere di licenziamento per tutti i dipendenti. Il resto rimane la solita insopportabile fuffa.

Rifiuti e arresti. La dirigente licenziata da Bianco “Io a processo a causa di un soggetto che ora è in galera”

Un vero e proprio "anello di collegamento tra gli imprenditori, la criminalità organizzata e la pubblica amministrazione. La sua posizione all'interno del clan era -scrivono gli inquirenti nell'ordinanza firmata dal Gip- di primaria importanza, in quanto dalla sua azione derivavano consistenti introiti per il clan e per i suoi affiliati, legati all'aggiudicazione ed alla esecuzione di appalti pubblici". Pietro Garozzo, capo del personale della Sicilcar elettrauto snc che ha in appalto dal Comune di Catania il servizio di rimessaggio, manutenzione e lavaggio dei mezzi della Nettezza Urbana,è stato arrestato nell'ambito dell'operazione "Gorgoni" della Dia con l'accusa di associazione mafiosa. Ma a capo del personale Garozzo lo è stato anche per la Puntese Diesel, la società che l'ex dirigente dell'Ecologia e Ambiente del Comune Annamaria Li Destri, è stata accusata di aver voluto favorire

Regione: “Ahia, si ricomincia con la depressione? NON VA BENE!”

Musumeci si sottragga subito alla sfiga: è stato eletto per questo! Questa mattina tutti i giornali pieni della solita solfa che sentiamo ormai da almeno 10 anni. Gli ultimi 5 poi sono stati un delirio di incapacità inimmaginabile. E si ricomincia: debiti, forestali, musei chiusi, precari, incarichi, fondi europei sprecati, discariche chiuse e tutte le altre amenità di una narrazione ormai troppo noiosa, da voltastomaco. La Regione Sicilia è stata distrutta? Ok, lo sappiamo e lo sappiamo benissimo: ma adesso basta! Ora occorre capire entro i prossimi 3 mesi se esiste una Visione per rivoluzionare e rilanciare l'intero sistema economico oppure si dichiari immediatamente default, consentendo di mettere ordine prima che scoppi la violenza sociale. INTERVIENE IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DEL SUD-EST PIERO AGEN

La Corte dei Conti diffida i revisori del comune di Catania. Ma non si annoiano?

Prosegue oltre il comico la pantomima inscenata sulla situazione finanziaria del comune di Catania. Il primo "piano di riequilibrio" è letteralmente scomparso da oltre 430 (QUATTROCENTOTRENTA) giorni, nessuno riesce a capire quale sia la realtà, i creditori sono praticamente sul lastrico e la Corte dei Conti, invece che inviare i caschi blu dell'ONU, tollera ancora di farsi snobbare in maniera ridicola e si limita ad inviare l'ennesima lettera di diffida. Ma almeno evitino alla Giustizia Contabile l'umiliazione di dimostrare che non serve a niente! E non c'è altro da aggiungere, abbiamo già scritto tutto il possibile.

Copertina

Manutenzione strade: è partito il “Global Service”, vediamo che concludono

Dopo l'annuncio in pompa magna con tanto di foto del 22 novembre da parte del Comune di Catania riguardo l'attivazione di Global Service il progetto tanto atteso per la sistemazione di piazze, strade, marciapiedi tombini e caditoie, sono stati inaugurati i lavori di recupero di piazza Falcone, alle spalle di corso Martiri, da tempo uno dei simboli del degrado catanese. Ma ora i cittadini si domandano quali altre parti della città verranno sistemate e soprattutto quando. Tra le strade in pessimo stato segnalate dai cittadini troviamo viale Africa, corso Sicilia, via Santa Sofia e via Caronda

Violentava ragazzini della parrocchia, arrestato un sacerdote a Catania

Si tratta di padre Pio Guidolin che esercitava il suo ministero al Villaggio Sant'Agata di Catania. Pare che, sin dal 2014, il sacerdote, sfruttando il suo ruolo e approfittando della condizione di particolare fragilità di diversi ragazzini (minori di 14 anni), provati da vicende personali che li avevano turbati, li aveva costretti a compiere atti sessuali, cospargendoli con l’olio santo (prelevato dai locali della Chiesa), ammantando i suoi gesti di una valenza spirituale e proponendoli ai minori quali “atti purificatori”, in grado di lenire le loro sofferenze interiori

Museo Egizio a Catania: ancora firme e foto, ma la location non è pronta

Di protocollo in protocollo, a Catania il Museo Egizio rischia davvero di rimanere solo sulla carta. Dopo l'"accordo quadro" siglato nel febbraio scorso tra sorrisi e strette di mano, salvo smentite successive dello stesso Museo Egizio di Torino, ecco un'altra cerimonia con tanto di penne a favore di fotografo e comunicato. Con il Ministro ai Beni culturali Dario Franceschini a dare la benedizione. Il tutto subordinato alla fine della ristrutturazione della location preposta, cioè il Convento dei Crociferi, sul cui termine dei lavori neanche il responsabile sa fornire date precise

“Gorgòni”, arresto Garozzo: cresce la preoccupazione tra i lavoratori della Sicilcar

Anche della Sicilcar, altra appaltatrice del comune di Catania, SudPress si è più volte occupato ed in particolare per "L'incredibile caso del depuratore di Pantano d'Arci". L'autentica bomba esplosa con l'operazione della DIA catanese, riguardante mafia, rifiuti e corruzione, che ha portato all'arresto di diverse persone, tra cui anche un giornalista, ha coinvolto anche Pietro Garozzo, a capo del personale della Sicilcar, l'azienda che gestisce per conto del Comune di Catania, la manutenzione, il lavaggio e l'ingrassaggio dei mezzi della nettezza urbana, dopo essere subentrata a "Officine Meccaniche".

Inchiesta Rifiuti turba Catania, Matteo Iannitti: “Bianco spieghi cosa succede al comune”

Mafia, corruzione, arresti: la DIA di Catania al comando di Renato Panvino ha scoperchiato un pentolone maleodorante che continua a bollire ed il fuoco pare solo agli inizi. L'aspetto più inquietante che sta montando in queste ore è quanto accade ormai da tempo al comune di Catania: gara da 300 milioni andata deserta e denunciata per requisiti giudicati impossibili, mentre ne è stata effettuata una da 11 milioni per soli 3 mesi per la quale è stata presentata, molto stranamente, una sola offerta. E la ditta, in società con la Eco Car, che sta attualmente svolgendo il servizio è la Senesi, il cui amministratore è stato arrestato. Insomma, un verminaio con qualche aspetto allarmante. E ce ne parla Matteo Iannitti di Catania Bene Comune che da mesi denuncia troppe stranezze. IL VIDEO

Città Metropolitana: Cocina “Resto come commissario del Consiglio Metropolitano”

"L'ordinanza del Tar produce la sospensione della nomina commissariale, reintegrando Bianco quale sindaco della Città metropolitana, ma io resto come commissario del Consiglio Metropolitano. Bianco sarà il sindaco e io il commissario. Ma non farò ricorso contro la decisione del Tar. Se vorrà, potrà farlo il presidente della Regione Nello Musumeci". A parlare è Salvo Cocina, il commissario della Città metropolitana che l'ex presidente della Regione Rosario Crocetta aveva nominato con un decreto a fine legislatura, il 18 ottobre scorso, al posto del sindaco metropolitano Enzo Bianco. Così Bianco, salvo ulteriori interventi, per decisione del Tar torna alla Città Metropolitana. 

Rifiuti, mafia e corruzione: coinvolta anche la ditta che gestisce l’appalto del comune di Catania. IN PROROGA!

Fermato Rodolfo Briganti, il rappresentante legale della Senesi spa, la stessa ditta che ha vinto l'appalto ponte per la raccolta rifiuti del Comune di Catania. E non solo. Arrestato anche Pietro Garozzo, coordinatore responsabile del personale della Sicilcar, altra ditta che lavora per il Comune di Catania, addetta alla riparazione, manutenzione e lavaggio dei mezzi della Nettezza Urbana comunale. Tra gli altri arrestati ci sono imprenditori, funzionari comunali, mafiosi e persino un giornalista catanese. Insomma un pò di tutto tra le 16 persone colpite da provvedimenti di custodia cautelare nell'ambito dell'operazione "Gòrgoni" condotta dalla Dia e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia guidata dal Procuratore Carmelo Zuccaro che coinvolge in particolare, i comuni di Trecastagni, Misterbianco e Acicatena VIDEO E INTERCETTAZIONI

Illuminazione pubblica, Lungomare al buio nonostante le promesse

Diverse volte il Comune ha annunciato di provvedere, tramite una serie di interventi immediati, a ripristinare l’illuminazione di alcune zone della città, da tempo costrette a fare i conti con il buio durante le ore serali. Lo scorso 14 ottobre, quindi un mese e mezzo fa, con un ennesimo comunicato l'Amministrazione ha annunciato i lavori volti ad intensificare l'illuminazione sul Lungomare, ponendo l'accento su particolari interventi destinati alla pista ciclabile e alle aree pedonali. Ma niente di tutto ciò è stato fatto  

Speciale

Il “Bianco” Natale del Comune di Catania...

Irsap, operazione Gdf in corso. Coinvolto il...

Valverde, un gioiello che sprofonda

Cronaca

Guglielmo Ferro sul Capodanno a Catania: “Sempre...

Tributo al magistrato Peppe Gennaro, dedicata a...

Il “Bianco” Natale del Comune di Catania...

Eventi

Ius Soli, il 21 incontro del PPE...

Il collettivo di fotografi “Sikelòs” espone per...

“Cittadini in…Progress”: i dati del progetto presentati...

Sport

Il Catania passerà un buon…

Calcio, il Catania passa anche sul campo...

Il Catania torna vincere contro…

Il Catania “Rende” benissimo in calabria, 3-0...

Calcio Catania, brutto pareggio col Matera. Mister...

Al voto

Il primo sondaggio post regionali siciliane conferma...

Dopo il “caso De Luca”, ecco gli...

Elezioni: video virale su fb accusa brogli,...

Login Digitrend s.r.l